Come si valuta la producibilità di un sito prima e dopo la costruzione di un impianto ?

Le politiche di incentivazione delle energie rinnovabili (sole, vento) hanno favorito l’installazione di impianti soprattutto all’estero, ma anche in Italia. Questo tipo di energia è ovviamente molto influenzata dalla variabilità atmosferica e diverse competenze meteorologiche sono richieste nelle varie fasi del processo: dalla progettazione alla gestione dell'impianto.

Nell’ambito delle energie rinnovabili (REI), i problemi che richiedono competenze e servizi specialistici meteo-climatici sono essenzialmente:
  1. Valutare i tempi di ammortamento di un impianto solare o eolico in un sito, ovvero valutare la producibilità di un sito su tempi lunghi; è un argomento d’interesse per investitori pubblici e privati nella fase di scelta del sito.

  2. Valutare gli effetti dei cambiamenti climatici a breve sulla disponibilità di REI; serve a chi fa le politiche energetiche (Ministeri, Regioni).

  3. Monitorare l’efficienza dell’impianto dopo l’istallazione, valutandone la producibilità, come terza parte nei rapporti tra installatore e gestore/investitore.

  4. Gestire l’impianto giorno per giorno prevedendo la sua producibilità con qualche giorno di anticipo, utile per la collocazione in borsa dell’energia prodotta (GSE e Produttori) e per la sicurezza dell’impianto durante eventi estremi (Gestore dell'impianto).

  5. Le previsioni delle variabili meteo servono per la gestione della rete elettrica di trasporto in modo da prevenire sbilanciamenti (Terna) dovuti a repentine immissioni di energia.

  6. La competenza meteorologica deve influenzare la formulazione di normative e raccomandazioni in materia REI (AEEG, CEI, CIGRE).

  7. Alcuni produttori che possiedono molti impianti sparsi su tutto il territorio nazionale hanno bisogno di Valutare la producibilità totale integrando quella di impianti diversi (concetto di Virtual Power Plants).

Le variabili atmosferiche in gioco sono essenzialmente il vento, la radiazione solare globale per gli impianti PV e la radiazione solare diretta per quelli a concentrazione.