Adattamento ai cambiamenti climatici,
nuovi scenari per il sistema elettrico


FONTI:
  • Libro verde della Commissione al Consiglio, al Parlamento Europeo, al Comitato Economico e Sociale Europeo e al Comitato delle Regioni: "L' adattamento ai cambiamenti climatici in Europa - quali possibilità di intervento per l'UE", Bruxelles, june 2007;
  • White Paper EU: "Adapting to climate chance: Towards a European framework for action", Bruxelles, april 2009.

I cambiamenti climatici nel mondo e in particolare in Europa sono un dato di fatto. Le conclusioni dell'enorme sforzo di ricerca internazionale sull'argomento possono essere soggette a perfezionamenti ma alcuni fatti fondamentali, come le variazioni di temperatura e precipitazione, l'innalzamento del livello del mare, lo scioglimento dei ghiacciai sono ormai presi sul serio dalla comunità politica europea. A fronte di ciò La UE sta promuovendo azioni sull'adattamento ai c.c. oltre che sulla mitigazione delle cause antropiche di questi.
A livello conoscitivo la UE riconosce come argomenti chiave i seguenti:
  • reti per lo scambio di: informazioni, modelli, strumenti di previsione, dati;
  • identificare le vulnerabilità
  • sviluppo di indicatori in grado di permettere un monitoraggio degli impatti dei c.c.;
  • stima dei costi/benefici di azioni di adattamento;


La variazione delle condizioni climatiche inciderà in vario modo, per esempio, sul settore energetico e sui modelli di consumo dell'energia.

Nel settore dell'energia gli impatti dei c.c. di maggiore interesse sono:
  • UE: Maggiori opportunità di fonti energetiche come il solare;
  • Italia: La copertura nuvolosa sta diminuendo in molte parti d'Italia !?

  • UE: Diminuzione delle portate dei fiumi ed effetti sulle centrali termoelettriche e nucleari assieme all'aumento della temperatura dell'acqua;
  • Italia: E' già capitato recentemente che le centrali termo-elettriche sul Po non avessero abbastanza acqua per il raffreddamento dei condensatori, costringendo i gestori degli sbarramenti idroelettrici alpini a scaricare acqua nei fiumi affluenti del Po, ovviamente non utilizzando l'acqua in modo ottimale per la preziosa energia idro-elettrica.

  • UE: Aumento della domanda elettrica per condizionamento;
  • Italia: Il Gestore della Rete italiana (Terna), nelle ultime estati, emette stati di allerta per eventuali sbilanciamenti tra offerta e domanda che potrebbero causare black-out;

  • UE: Impatto delle variazioni climatiche sull'energia idroelettrica;
  • Italia: La producibilità idroelettrica e le precipitazioni in Italia non vanno più d'accordo negli ultimi anni, perchè?

  • UE: Aumento di eventi estremi come i fenomeni convettivi che impatta sui danni alle linee elettriche.
  • Italia: I fenomeni potenzialmente pericolosi per le linee elettriche aeree sono essenzialmente due: i forti temporali con le loro manifestazioni quali fulmini, vento forte; le nevicate "calde" che provocano l'accumulo di neve sui cavi. Queste ultime sembrano aumentare negli ultimi anni.

  • UE: Influenza dell'aumento della temperatura sulla portata massima dei conduttori;
  • Italia: Le interconnessioni della rete elettrica italiana con l'estero sono già critiche?
    Un aumento della temperatura potrebbe far diminuire la portata massima di queste interconnessioni ed aumentare la criticità delle linee?

Il problema è duplice: mitigazione e adattamento, per maggiori informazioni:

http://ec.europa.eu/environment/climat/adaptation/index_en.htm. http://ec.europa.eu/environment/climat/adaptation/pdf/com_2009_147_en.pdf http://ec.europa.eu/environment/climat/adaptation/index_en.htm.